/var/www/lamiatrieste.com/wp-content/themes/lamiatrieste/content.php

Anticaglie triestine

De dove go tirà fora ‘ste vecie publicità e notiziole che qua vedè? Da due Guide che le xe sempre stade nela libreria de mio nono e adeso nela mia.
Per fortuna no le xe stade butade via de mia mama che gaveva la mania de butar tuto specie nei ultimi anni perchè la diseva che la voleva lasar meno strafanici quando che la iera morta. “Cusì te doverà lavorar de meno” – la diseva.
Giusto ma… el ris’cio xe de perder ricordi, anche robe de valor intendo valor afetivo o che no se trova più e che butade le xe perse per sempre e qualche volta per tuti perchè se tuti fa cusì …
‘Ste due guide le ga notizie un poco veciote (no xe miga Google), le parla de ristoranti, negozi, alberghi, carboneri, bandai, arrotini e tanto altro de Trieste e Istria, ma tute robe perlopiù sparide. Ma qualcheduna la resisti.
Una costava 6 lire. Ano de publicazion che no xe scrito de nisuna parte, ma ocio e crose primi anni ’20.
L’altra del 1931, ben 1525 pagine e tanto grosa che xe imposibile scanerizar qualche pagina come che me gavessi piasso far. Pecà, anche qua tante vecie publicità del tempo che fu.

Pubblicità dei cicli Cottur.
Tuti sa chi che iera Cottur, un coridor de bici che coreva poco prima e poco dopo dela Guera. Bravo e rivà anche terzo al giro d’Italia. Bravo e anche coragioso perchè nel ’46 el Giro fazeva tappa a Trieste come simbolico anel con l’Italia che no ghe iera.
Ma i titini poco prima de Monfalcon ga tirà piere sui corridori, colpi de fusil, bidoni in mezo la strada e el giro xe sta fermà dai organizzatori (iera za Torriani) . E per no darghela vinta i ga fato finir la gara a un grupeto fato de un coridor per squadra. Me par un sedise o diciasete de lori. Cottur per forza el iera dela partida e indovinè chi che ga vinto la tapa a Trieste? Lu ! Forse i lo ga lasà vinzer, chi pol saver, ormai non xe più nisun che pol contar. Comunque tuti ga risc’ià groso perchè quela volta noi scherzava coi fusili.
El suo negozio de bici in via Crispi.
Me ricordo che mi, che correvo per la Bartali Primo Rovis, me trovavo in alenamento anche coi muli della Coppi Hausbrand e insieme formavimo la muleria ciclista de Trieste in ani che nisun andava in bici, miga come adeso che tutti va in machina in Carso, i tira zo la bici e po’ i fa qualche sentiereto o pista ciclabile. Me ricordo che ogni tanto se vedeva qualchedun con maieta rosso scuro co la scrita “Cottur” e iera sempre veceti (per noi veceti iera za chi che gaveva 30 o 40 ani).
Ma poi so che Cottur ga meso su una bela associazion che ga fato assai e lui se morto vecissimo ma sempre in gamba dopo el 2000. Però el iera nato durante la prima Guera.
E come alora – me son domandà – qua in un libreto del 1926 ghe xe zà la publicità del suo negozio?
A dodise ani el gaveva za meso su botega?
Zerca che te zerca suo papà gaveva negozio de bici sempre in via Crispi e proprio suo papà ghe ga fato la prima bici.
El negozio xe ancora (2014)

Hotel Città de Parenzo
Ancora vivente e vegeto. Me par che pochi anni fa i gabi rimeso a novo. Ma chisà quanti restauri i gaverà fato visto che xe un albergo anni ’20.
In via degli Artisti, ma chisà perchè mi go sempre ciamà quela via “via Filodrammatico”. Insomma el cine me ga menà torno e una volta che gavevo fato alogiar i miei amici Giani e Patrizia de Torino i me ga telefonà che el tonton no trovava nessun albergo Parenzo in via Filodramatico. Sfido mi …
Iero zà insempià anni fa.

Lampadine Ilet
Mai sentide nominar. Qualchedun sì? Comunque bel veder che noi a Trieste semo stai al’avanguardia nel riciclar ogeti veci, finidi, da butar in scovaze e invece … raccolta differenziattta. Ma qua più che raccolta diferenziada me par sia un ricliclare, un rigenerar. El risultà comunque iera de no far scovaze.
Semo a metà ani ’20. Che bela sensibilità. Del resto la cosideta racolta differenziada dove la xe partida per prima in Italia? In Friul asai ani prima che in tuto el resto de l’Italia.

A.A. Baker & Co
La fabrica Baker iera stada verta da ‘sto tipo inglese ArthurAnton Baker poco prima del 1900 in quel de Barcola e fazeva imbotigliamento de liquori specie de rum e el maraschino veniva inveze fato con saliese che vigniva de la dalmazia.
Nel libro “Roiano” del Zubini se trova tuto su questa fabrica che a un certo punto la se ga trasferì in zona industriale e poi a Gorizia e là la devi essere morta nei ani ’80.

A.G. Zarotti
No so niente de sto negozio mai visto. Ma perchè lo cito? Perchè me ga incuriosì che el iera in via Sanità. Via Sanità?
Orpo dove xe sta via che gnanca su internet no i la nomina!
Ben, via Sanità iera la via Armando Diaz.

Caffè degli Specchi
Nei ani ’20 ossia quando che xe stada publicada questa publicità sul libreto che go davanti, el cafè gaveva circa 90 anni. Una vita! Bel leger la scrita “ritrovo dei forestieri” e se sa che con ‘sto termine se indica o indicava anche un che iera de Monfalcon. Quindi ancora una volta Trieste da una parte e tutto il resto del mondo de l’altra. Da Monfalcon a Sidney pasando per Napoli e Praga.
Tutti foresti.
Divertente ‘sto conceto visto che Trieste xe sempre stada cità acogliente e che coi foresti ga fato la sua fortuna. Ma forse proprio per la presenza de tanti e tanti originari de altri Paesi, bisognava aver un termine che indicasi con chiareza la linea de demarcazion tra triestini e quei no triestini

Ristorante al Piave
Uno dei tanti posti dove che se magnava e ora no se magna più. Ma anche qua me ga incuriosì l’indirizo che xe Piazza degli Studi.
Pian pian son rivà a capir che la Piazza Attilio Hortis ga cambià assai spesso nome. Piazza degli Studi, di certo in onore de la Università Vecia là vizin e prima la se ciamava Piazza Lipsia. Insoma Lipsia, Studi e po’ Hortis.

Continua alla pagina: 1 2 3

La mia Trieste, 25 novembre 2015